Decimo Giunio Giovenale poeta e pretore latino del I° secolo scrisse nelle sue Satire (X, 81) parlando del popolo:
“Ormai, da quando non si vendono piú i voti,
ha perso ogni interesse; un tempo
attribuiva tutto lui, potere,
fasci, legioni; adesso lascia fare,
spasima solo per due cose: pane e giochi.”
Tante volte si dice che la storia è sempre destinata a ripetersi e anche in questi ultimi tempi pare sia così.

Mentre si moltiplicano le iniziative culturali (sia detto senza alcuna ironia) alle quali viene dato grande sfoggio sui media locali (d’altronde, se il diktat nazionale è quello, chi siamo noi per disobbedire?), alle cose noiose, tecniche, pratiche, viene dato meno risalto.Screenshot 2015-04-12 07.32.05Così, noi possiamo leggere ovunque di tutte le iniziative culturali (sempre senza alcuna ironia) dell’amministrazione comunale se volessimo ad esempio andare a controllare (sì, noi controlliamo, noi guardiamo, noi leggiamo e poi rendiamo conto ai cittadini) a che punto siamo con l’avanzamento del programma elettorale visto che fra poco celebreremo un anno dall’insediamento della giunta Briz ci troveremmo di fronte a questa pagina (vedi foto) che è nello stesso stato da un anno a questa parte.

Come mai? Ai posteri l’ardua sentenza, tanto per rimanere sui testi classici.

Annunci