Logo_M5S

Mercoledì 24 febbraio 2016 c’è stato consiglio comunale anche se sembra che pochi se ne siano accorti visto che le sedie destinate al pubblico erano desolatamente vuole tranne i “soliti quattro gatti” che l’altra sera erano solo tre. Qualche assenza anche tra i banchi dei consiglieri di opposizione, speriamo non per motivi gravi.

La seduta è iniziata con un minuto di raccoglimento in ricordo di Giulio Regeni barbaramente assassinato in Egitto dopo essere stato a lungo torturato.

Nove i punti all’ordine del giorno (consiglio comunale 24.02.2016) tra cui un’interrogazione del MoVimento 5 Stelle.

La parte del leone spettava all’approvazione del punto 2, ovvero del D.U.P. che sta per Documento Unico di Programmazione che contiene una visione d’insieme delle politiche del Comune e del loro rapporto con le strategie nazionali ed europee e fornisce una serie di informazioni fondamentali sulla città, sul territorio, sulla struttura e le politiche dell’ente e sulle norme di riferimento per la formazione del bilancio e per la gestione della pubblica amministrazione.

Molto efficace la presentazione del documento da parte del Sindaco Daniela Briz aiutata dalla proiezione di slide, che con termini semplici e stringati ha illustrato il documento ai consiglieri lamentando come le incertezze sulle risorse che arriveranno ai Comuni costringe l’amministrazione ha redigere un D.U.P. forzatamente limitato a causa dell’incertezza su quella che sarà poi la realtà finanziaria con cui si dovranno fare i conti. E qui è il caso di dirlo “casca l’asino”, anzi precipita, perché a fronte degli annunci trionfalistici del Premier che nessuno ha mai eletto Renzi Matteo e del suo Governo, la realtà è quella di un Paese sempre più povero in cui si tagliano i servizi ad iniziare dalla Sanità, dalla Previdenza, dalla Ricerca e dall’Istruzione, senza mai toccare i privilegi e le sacche di impunità a cominciare dalle Banche, da una classe politica immonda e chi più ne ha più ne metta. Riassunto di due anni col Bomba

Al termine della presentazione la parola è passata ai consiglieri che hanno chiesto al Sindaco e agli Assessori diversi chiarimenti ai quali sono state date puntuali risposte. Particolare spazio ha avuto il problema della prevenzione del fenomeno bullismo e del “tavolo giovani”. La consigliera del MoVimento 5 Stelle Maria Cristina De Michielis ha chiesto al Sindaco quali siano le intenzioni della Giunta riguardo la proposta di deliberazione che il MoVimento ha presentato chiedendo la formazione di un tavolo permanente per il monitoraggio e la prevenzione del fenomeno bullismo che interessa anche, purtroppo, il nostro Comune. A tale richiesta il Sindaco ha risposto che vista la delicatezza e la complessità del problema si è preferito rimandare la discussione ad una prossima seduta di consiglio, considerato che la discussione del D.U.P. avrebbe richiesto abbastanza tempo non permettendo di affrontare la questione con la efficacia che essa richiede. Soddisfatta della risposta la consigliera del MoVimento e il suo gruppo. Aspettiamo con fiducia che la proposta di deliberazione venga messa quanto prima all’ordine del giorno del Consiglio Comunale. Il M5S di Remanzacco chiede un tavolo permanente sul fenomeno bullismo

Animata ed interessante anche la discussione sul “tavolo giovani” istituito dall’amministrazione con l’intenzione di formare un gruppo di ragazzi disposti a partecipare alla vita amministrativa e sociale del proprio Comune, tavolo che dopo un avvio stentato è di fatto naufragato nell’indifferenza di quei giovani che avrebbero dovuto formarlo e sostenerlo. Ad oggi i risultati dell’iniziativa sono decisamente scarsi e tutti si chiedono quale ne sia il motivo. La consigliera della lista “Con Remanzacco” Elisa Catarinussi assieme al suo Capogruppo Marco Gargari ha espresso dei dubbi su come l’iniziativa sia stata impostata e portata avanti dall’amministrazione. Dalla maggioranza hanno risposto che la poca partecipazione è probabilmente sintomo di uno scarso interesse degli stessi giovani, visto che su 600 potenziali partecipanti invitati al tavolo quelli che sono presenti alle riunioni del tavolo giovani si possono contare sulle dita di due mani se non di una mano sola e che spesso si tratta di persone che giovani proprio non lo sono.

Noi del MoVimento 5 Stelle riteniamo che la questione della oramai evidente e preoccupante scarsa partecipazione alla vita associativa e sociale della comunità di Remanzacco debba essere attentamente valutata e discussa nel tentativo di trovare adeguate soluzioni e per questo stiamo pensando a varie iniziative alle quali stiamo lavorando e che verranno rese note una volta definite.

Sempre riguardo il D.U.P. la consigliera del MoVimento 5 Stelle Maria Cristina De Michielis non ha potuto non rilevare che a pag.36 del documento si può leggere: “L’ambiente è dove viviamo. L’impegno a preservarlo e a migliorarlo non è solamente un dovere per garantire a noi e alle nuove generazioni il futuro, ma anche la necessità per vivere meglio il presente”, e ancora a pag. 44: “L’amministrazione vuole agire per tutelare le aree di interesse naturalistico presenti sul territorio comunale, coinvolgendo la popolazione, le associazioni, le realtà produttive del territorio. Il consumo del suolo agricolo e la cementificazione sono aspetti dello sviluppo che devono essere gestiti in modo da non compromettere per sempre il territorio; la riqualificazione delle zone degradate può essere un’occasione di recupero e miglioramento ambientale” belle parole e grandi intenzioni che si scontrano con la protervia volontà con la quale questa e la passata amministrazione hanno portato avanti il progetto di avviare la sesta cava per l’estrazione di inerti attaccata a una zona di notevole interesse ambientale sulla sponda sinistra del torrente Torre in località “prati di S. Martino” e proprio a ridosso del Parco del Torre e Malina nonché dell’omonima area di interesse archeologico. Dal rapporto 2015 sul consumo di suolo in Italia pubblicato dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) (Il consumo di suolo in Italia – edizione 2015) si può leggere come Remanzacco sia uno dei comuni in cui il consumo di suolo è superiore alla media nazionale che a sua volta è ben superiore alla media europea.

Consumo_suolo_Regione

Come più volte ribadito il MoVimento 5 Stelle ritiene che il progetto di una nuova cava per estrazione inerti sia un ottimo affare per i cavatori ma un pessimo affare per la comunità remanzacchese che vedrà oltre 21 ettari del proprio territorio agricolo devastati per sempre dall’attività di estrazione in cambio di un rimborso economico tutto da verificare e che sarà talmente diluito nel tempo da incidere in maniera poco significativa sul bilancio comunale. Inoltre il favoleggiato ripristino ambientale darà come risultato un “parco” di 21 ettari che dovrà essere gestito e mantenuto con un notevole esborso di denaro per il bilancio comunale in difficoltà nel reperire adeguate risorse per i servizi alla cittadinanza e, come ammesso durante la seduta consiliare dal Sindaco e dall’Assessore Angeli, già oggi non dispone di sufficienti risorse per gestire le zone di interesse ambientale già presenti sul territorio comunale.

Al termine della discussione sul punto 2 il MoVimento 5 Stelle ha espresso voto contrario criticando così un rapporto pieno di buone intenzioni ma troppe contradizioni e incertezze.

Si è quindi passati alla discussione dei punti 3,4 e 5 conclusasi sempre con il voto favorevole della consigliera Maria Cristina De Michielis.

Al punto 6 la risposta del Sindaco all’interrogazione del MoVimento 5 Stelle riguardante la richiesta di installazione di dispositivi atti a ridurre la velocità dei veicoli che attraversano la strada provinciale 25 in frazione Ziracco di cui alla mozione presentata in data 24/11/2014 e approvata dal Consiglio Comunale del 27 Marzo 2015. Abbiamo appreso con soddisfazione che la Provincia ha espresso in data 8 giugno 2015 parere positivo all’installazione di tali dispositivi e che l’amministrazione, sentito il parere della polizia municipale, ha già chiesto i preventivi per l’acquisto di due indicatori luminosi di velocità dei veicoli in transito. Tali segnalatori, del costo di circa 4.500€ cadauno, verranno acquistati ed installati dopo l’approvazione del bilancio previsionale comunale 2016 che metterà a disposizione la somma di 9.000€ necessaria per il loro acquisto. A pensar male, e solo a pensar male, sembra che l’amministrazione Briz, che si è dimostrata abile a reperire risorse tra le innumerevoli pieghe del bilancio comunale per le richieste di qualche associazione riguardanti la costruzione di tettoie, terzi tempi e altro, non lo sia stata altrettanto per venire incontro prontamente alla richiesta dei cittadini di Ziracco, forse (e pensando sempre male) per dare meno riconoscimento alla richiesta del MoVimento 5 Stelle, ma noi siamo convinti della buona fede di questa amministrazione e quindi guardiamo la luna e non il dito e ben vengano gli indicatori luminosi con la speranza che, assieme a qualche multa da parte dei vigili comunali, serviranno allo scopo.

Voto favorevole del MoVimento anche per la approvazione dei regolamenti d’uso della struttura polifunzionale del Broilo Perosa e della ex scuola di Cerneglons pur apprezzando le osservazioni del consigliere Damiano Galiussi che avrebbe preferito un unico regolamento per entrambe le strutture.

Consiglio terminato alle 21.30 con un brindisi augurale per il compleanno dell’amico Claudio Braida, marito della nostra portavoce Maria Cristina De Michielis, nato sotto il Segno dei Pesci

scritta-buon-compleanno-stelle

AUGURI CLAUDIO!!!

Annunci