Logo_M5S

Venerdì 29 aprile c’è stato Consiglio comunale con pochi ma corposi punti all’ordine del giorno, (consiglio comunale 29 04 2016) si doveva infatti discutere principalmente di bilancio comunale 2015 e 2016. Alla faccia della democrazia partecipativa il Consiglio comunale viene convocato oramai quasi solo per discutere di bilancio, mentre tutte le decisioni fondamentali per l’amministrazione di una comunità sono prese dalla Giunta.

Poco il pubblico presente formato da soli “afecionados” e un’assenza tra i banchi della Lista” Con Remanzacco”.

I punti 1 e 2 sono scorsi via senza problemi con il voto positivo di tutto il Consiglio e anche il punto 3, trattandosi di una mero spostamento di risorse tra capitoli del bilancio comunale, è passato velocemente.

Si è poi passati al punto 4 riguardante l’approvazione del rendiconto di gestione dell’anno 2015 illustrato come sempre in modo chiaro dal Sindaco con l’aiuto di slides. al termine della relazione ci sono state varie richieste di chiarimenti da parte delle opposizioni che hanno anche fatto notare alcuni errori e sviste piuttosto grossolane contenuti negli allegati fatti pervenire ai consiglieri comunali. Alle richieste avanzate hanno dato risposta gli assessori e i consiglieri delegati alle materie oggetto delle richieste.

Si è quindi passati alle dichiarazioni di voto.

I capigruppo delle opposizioni Maria Cristina De Michielis per il MoVimento 5 Stelle e Marco Gargari per la Lista Con Remanzacco hanno annunciato il voto contrario esponendo in modo sintetico le motivazioni di tale voto negativo.

Il capogruppo della Lista Insieme Dario Angeli, annunciando il voto naturalmente favorevole dei propri consiglieri, ha sostenuto di non capire un voto contrario di fronte a un simile bilancio che mantiene inalterati i servizi comunali alle persone e chiude con un consistente avanzo di denaro lamentando la capziosità della posizione delle opposizioni che di fronte ad un simile bilancio dovrebbero, a suo dire, applaudire ed esprimersi con un si convinto ed entusiasta.

Ci dispiace dover dare lezioni di politica a Dario Angeli che in politica ci sta da molti lustri, ma il nostro navigato amministratore dimentica diverse cose:

  • Il bilancio è l’espressione delle scelte di una amministrazione che derivano, si spera, dalla realizzazione di un suo Programma che è stato annunciato e depositato ad inizio mandato. Avendo avuto programmi forse simili in certi punti, ma profondamente diversi in altri (vedi cava) votare positivamente un bilancio significa appoggiare un programma che non corrisponde alle proprie idee e convinzioni;
  • si mette naturalmente in risalto le cose fatte, si nascondono le cose non fatte o fatte male;
  • si mette in risalto la conclusione dei lavori del Broilo e della scuola di Cerneglons e non si dice cosa si intende fare di quelle strutture e l’impressione è che fino ad ora le idee per il loro utilizzo siano poche e confuse;
  • si magnifica la sistemazione del parco del Brolio e si sorvola sul suo costo e sulla modifica della viabilità e dei parcheggi antistanti che tante discussioni, anche negative, ha generato;
  • nessun accenno a dove verrà spostata la “Sagra dei Gamberi” che allo stato attuale non ha una collocazione;
  • nessun accenno ai costi di manutenzione delle strutture realizzate, li capiremo prossimamente;
  • nessuna idea realizzata o in progetto su come utilizzare la zona che circonda la “cattedrale dell’acqua” che doveva essere il centro di aggregazione del paese, a detta dell’ex assessore nonché suo grande sostenitore Oscar Marchese. Allo stato attuale è un parcheggio, a volte anche sporco, con una fontana in mezzo;
  • nessun progetto per la zona delle scuole elementari ed asilo che è giornalmente intasata dal traffico scolastico e non. L’unica idea è trasformare in un senso unico la via delle scuole per una simile trovata si è anche ricorsi ad un architetto (vedremo il costo);
  • nessun accenno all’esigenza di un nuovo polo scolastico che raggruppi tutte le scuole in un’unica zona, predisponendo gli strumenti urbanistici necessari a tal fine ( la scusa è che non ci sono soldi, ma per Broilo, scuola di Cerneglons, la sistemazione delle elementari e varie tettoie e tettoiette i soldi si sono trovati);
  • poca chiarezza su quanto si spenda per le consulenze esterne;
  • nessuna chiarezza sui contributi indiretti percepiti dalle varie Associazioni, specie se “amiche”;
  • mancanza assoluta di un idea, una progettualità su come dovrà essere Remanzacco tra 10 anni;

Le può bastare Assessore Angeli o vuole che continuiamo?

Forse sarebbe meglio impartire meno lezioni ed ascoltare di più le idee degli altri, perché non è detto che queste idee siamo da buttare solo perché sono “degli altri”.

Annunci